L’Agenzia delle Entrate, attraverso l’interpello legislativo n. 521 dello scorso 3 novembre 2020, chiarisce che non è possibile detrarre le spese del 110% previste dal Superbonus per la sostituzione di una vetrata fissa con una parete in muratura.

Il caso dell’istante riguarda la sua volontà di sostituire le pareti esterne della facciata del proprio immobile, che sono prevalentemente costituite da vetrate fisse, con delle pareti opache in muratura, in maniera tale da ottenere un netto miglioramento della classificazione energetica dell’edificio.

Tuttavia, i giudici del Fisco, richiamando l’articolo 119 comma 1, lett. a) del Decreto Rilancio, chiariscono che in questo caso l’istante non ha diritto alla detrazione delle spese sostenute, in quanto il miglioramento energetico non riguarda dei lavori su pareti opache, ma su delle vetrate. L’art. 119 del Decreto Rilancio, infatti, cita chiaramente che il Superbonus 110 è accessibile per le spese sostenute per gli “interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate”.

Con l’interpello n. 521, dunque, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che l’accesso al Superbonus 110 non è previsto per la sostituzione di pareti costituite da vetrate fisse con delle pareti in muratura, anche se i lavori sono finalizzati ad un miglioramento della classe energetica dell’edificio.